NEWS E COMUNICAZIONI

L'inno delle polemiche: anche la Federazione delle Bande coinvolta nella registrazione della canzone dei Mondiali di Fiemme 2013

Il gruppo di strumentisti che ha registrato l'inno

Il leitmotiv dei Mondiali Fiemme 2013 è firmato dall'estroso autore e musicista balcanico Goran Bregovic. Il compositore si avvalso della collaborazione del Coro Coronelle di Cavalese, Negritella di Predazzo, Città di Ala e dei musicisti della Banda rappresentativa della Federazione bande trentine.

 

Dunque, il Trentino, attraverso una rappresentanza di cori e bande ha lavorato con Bregovic, ambasciatore di prestigio della world music, la musica senza limiti e barriere geografiche che attraversa paesi e continenti. Nelle scorse settimane a Cavalese, la registrazione che parla del Trentino a tutto il mondo. 
Orgoglio e soddisfazione per i presidenti Sergio Franceschinelli e Renzo Braus. "Un'opportunità di crescita professionale e di allargamento dei confini poter lavorare con una star della musica internazionale come Goran Bregovic", dicono i due presidenti delle Federazioni trentine.
Bregovic ha diretto e coordinato gli interpreti della Banda rappresentativa della Federazione dei Corpi bandistici della provincia di Trento sotto la supervisione del maestro Marco Somadossi. In tutto 55 bandisti in rappresentanza delle 86 bande trentine. Bregovic ha diretto i suonatori a gruppi, per strumento, registrando nota dopo nota la musica dell'inno. Palpabile l'entusiasmo di giovani e di suonatori collaudati nell'essere diretti da un maestro come Goran Bregovic. Poi il compositore ha radunato i coristi nella sala Fiemme del rinnovato Palafiemme, per registrare le voci. 
"Per me - ha detto Bregovic - questo non è un inno vero e proprio. L'ho pensata come una canzone che faccia ballare e cantare la gente in discoteca, in montagna, sulla neve, ovunque".
Sulla stampa locale si sono scatenate le polemiche sull'operazione. Contestati in particolare i costi per l'ingaggio del musicista balcanico e la qualità della composizione. Ma questo è un altro discorso. 

29 gennaio 2013