BANDA FOLKLORISTICA TELVE

BANDA FOLKLORISTICA TELVE
Direttore: ZANETTI BERNARDINO
Presidente: ZANETTI ALBERTO
Indirizzo: VIA FIEMME, 12
38050 TELVE
Telefono: 0461767227
EMail: presidente@bandatelve.it
Web: www.bandatelve.it

Le prime fonti dell'attività bandistica a Telve risalgono al 1923, come dimostra un documento che riguarda la richiesta, avanzata dal barone Francesco Buffa presidente del "Comitato banda sociale" all'amministrazione comunale dell'epoca, perché supporti finanziariamente la costituzione di una banda musicale. L'amministrazione soprassiede, ma ciò non toglie che il battesimo si tenga lo stesso l'anno dopo, nel 1924. Primo maestro Augusto Cattarozzi; quindi Pietro Campestrin, che lascerà un'impronta indelebile nella vita culturale locale.
Il complesso rimase in vita fino al 1939 (presidente Rodolfo Franzoi) e si ricostituì al termine della guerra, ancora diretto da Pietro Campestrin, presidente il maggiore dei carabinieri a riposo Giulio Imeni.
Memorabile la prima uscita, con festose marce al seguito del trasferimento degli incartamenti dal Comune di Borgo al ricostituito Comune di Telve ( frazione dal 1928 al 1947). Nel 1952 altra pausa per problemi legati all'emigrazione. Però Campestrin non si diede per vinto e nel 1959 riuscì a far organizzare dei corsi di formazione musicale; tre anni dopo nacque la "seconda banda musicale", ovvero la "Banda sociale di Telve", da lui diretta e presieduta da Mario Gianesini. L'organico iniziale di 20-25 elementi andò aumentando fino al 1971-72, periodo in cui si dovettero affrontare non pochi problemi, cosa che succedeva peraltro anche alla banda di Borgo. Per questo si pensò di aggregare le forze, costituendo la "Banda sociale comprensoriale della Bassa Valsugana" con sede a Telve, direttore sempre Campestrin, che muore nel 1977 a causa di un grave incidente stradale. Il suo ricordo è ancora molto vivo nei compaesani.
Nel 1980 la sede della banda si trasferisce a Borgo, ma una nuova fase si apre a Telve negli anni Novanta.
L'idea, nel 1991, fu di alcuni simpatizzanti ed ex suonatori nella vecchia banda, capeggiati da Giulio Pecoraro (promotore e tutt'oggi instancabile manager logistico-operativo del complesso amatoriale), che pensarono di dar vita a una istituzione bandistica con una precisa caratteristica: coniugare la tradizione musicale bandistica con l'originalità del folclore locale.
Per tre anni durò l'attività di ricerca, di studio e di realizzazione dei bozzetti; quindi, con la presidenza di Aldo Agostini, venne realizzato il costume che oggi è in dotazione alla banda, che riproduce l'abito festivo della popolazione di Telve nella seconda metà dell'Ottocento. Costume che ha ottenuto l'attestazione di autenticità dall'associazione provinciale per la tutela degli usi e costumi con sede a Bolzano.
A dirigere il neonato complesso fu chiamato un giovane maestro, già allievo bandista di Campestrin e strumentista nella formazione bandistica comprensoriale, diplomato in fagotto al Conservatorio di Trento: Bernardino Zanetti. Dotato di un ampio bagaglio tecnico, profonda sensibilità musicale, raffinata capacità di gestione dei rapporti interpersonali, aiutato da alcuni validi musicisti di Telve e dei paesi vicini, Zanetti ha fatto un lavoro egregio.
La banda è dunque pronta per il primo concerto pubblico il 1° maggio 1993 e nel '94 partecipa al 1° Concorso di classificazione provinciale tenuto a Riva del Garda. Iscritta alla seconda categoria, ha ottenuto dalla giuria internazionale la valutazione media di 8/10 per i due brani eseguiti.
Importante sottolineare anche l'impegno della banda giovanile, attiva dal 1996 e diretta dal prof. Stefano Pecoraro, diplomanto in corno, che cura anche la preparazione del gruppo ottoni, mentre Giuseppe Calvino, diplomando in saxofono e percussioni, cura la preparazione teorica degli allievi e dei sax.
Il repertorio spazia dalla musica tradizionale per banda a trascrizioni di musica leggera a brani originali di autori contemporanei.