BANDA SOCIALE "PICCOLA PRIMAVERA" DI VERLA

BANDA SOCIALE
Direttore: ZANON FABRIZIO
Presidente: SARTORI NICOLA
Indirizzo: VIA CORNIOLE
38030 VERLA
Telefono: 3205680290
EMail: bandaverla@yahoo.it
Web:

Procurare "onesto divertimento a sé e agli auditori" è l’obiettivo che si propone la banda quando nasce, il 26 aprile 1896.

Raccogliersi intorno agli strumenti era il traguardo di giornate sudate in campagna, era la voglia di trovare uno spazio per la gioia di vivere insieme un’esperienza ricreativa che diventava anche cultura.
Fu così che un gruppo di suonatori di Verla decide di dar vita ad una formazione musicale che a tutt’oggi rappresenta una delle realtà associative più importanti e amate dalla Comunità.

Certamente la loro idea è stata portata avanti con impegno fino ad oggi da tutti i numerosi volontari che si sono susseguiti nella conduzione di un ideale musicale associativo.

Il primo statuto porta la data del 26 aprile 1896 con Emilio Brugnara come primo presidente mentre non si conosce il nome del primo maestro.
La vita associativa continua negli anni con l’avvicendarsi di maestri e presidenti di cui non si hanno notizie certe, mentre notizie precise risalgono a Valentino Erler che, al suo ritorno dalla Prima Guerra Mondiale, trova una fanfara alpina, subentrata alla Banda Sociale, ispirata da Cornelio Stefecius, un profugo polacco, che mette nelle mani di Erler l’attività che continua senza pretese.

Nel 1936 Guido Zanetti è il nuovo presidente e reintroduce il nome di Banda Sociale.
Nel 1942 la Banda viene presa in consegna dal veronese Gino Mennini e nel 1947 la bacchetta passa al nostro compaesano Cipriano Rizzoli che, con grande passione, dirige la banda fino al 1964 per passare il testimone al figlio Bruno.
In questi anni si sono susseguiti diversi presidenti:
Adriano Rizzoli,
Mario Monauni,
Silvestro Sartori,
Albino Pellegrini,
Lino Zanelli
per arrivare al 1963 con Floriano Sartori.

Nel 1968 il complesso cambia nome da Banda Sociale a Banda Sociale "Piccola Primavera" con Luciano Caldonazzi maestro da già tre anni e Giuseppe Clementi come presidente al quale subentra, per un breve periodo, Tullio Eccli.

Nel 1971 alla presidenza c’è Tito Rossi e nel 1975 la guida artistica passa ad Andrea Brugnara.
Nel 1982 la bacchetta passa nella mani di Aldo Ruffo, che nei suoi anni di attività vede susseguirsi alla carica di presidente Carlo Brugnara, sostituito poi dal vice-presidente Lorenzo Rossi.

Nel 1995 si rinnova la direzione, come presidente viene eletta la giovane maestra Ida Erler, diplomata in flauto al Conservatorio di Trento.
In questo periodo viene pure rinnovato lo statuto e la Direzione di appresta ad affrontare la celebrazione del centenario di fondazione, svolta nel giugno del 1996 con una grande festa.
Nel 1999 alla nomina di presidente viene eletta Ernesta Clementi.
Le tappe più importanti di questi anni hanno visto la Banda partecipare nel 1994 alla prima edizione del Concorso Bandistico Provinciale di Classificazione e successivamente al terzo Concorso Bandistico Internazionale "Flicorno d’Oro" nel 1995.
Nel maggio del 2000 la Banda ha partecipato al Festival Musicale per Bande a Wolfsberg in Corinzia (Austria).
Nel 2003 e nel 2004 sono stati organizzati dei viaggi studi a Strasburgo e a Bruxelles, in cui ai bandisti è stato dato il privilegio di rivolgere un saluto musicale agli Europarlamentari presso la sede del Parlamento e dalla Comunità Europea.
Nel 2005 si cambia alla direzione musicale che viene affidata al giovane maestro di Tesero Fabrizio Zanon, che fin dalle prime prove ha dimostrato la sua preparazione, competenza e gran voglia di fare.
L'associazione continua un’attività piuttosto intensa, sia a livello locale che fuori regione; non mancano nemmeno le uscite all'esterno come a Seefeld nel 2006 e a Salisburgo nel 2010. Durante la quindicesima edizione della rassegna bandistica "Giovo in Banda" nel mese di giugni 2011 la Banda ha festeggiato il 115° anniversario di fondazione.